Skip to main content

Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Chiesa di Santa Maria Maggiore

Chiesa di Santa Maria Maggiore

La chiesa di Santa Maria Maggiore è il principale complesso ecclesiastico di Cerveteri. Sede arcipresbiteriale, comprende una chiesa vecchia e una chiesa nuova, collegate tra loro, e ha quattro chiese succursali. In passato fu anche cattedrale della sede suburbicaria di Porto e Santa Rufina e della diocesi di Cerveteri.

La chiesa più antica fu costruita intorno all'anno 1000, poiché secondo il primo Liber Censuum della chiesa romana, fatto compilare da Onorio III, si apprende che il dominio della chiesa sul territorio cerite era vigente dal 1192; tali informazioni non sono però certe, poiché l'archivio parrocchiale è andato perduto, perciò non abbiamo oggi informazioni certe sul periodo precedente il 1492, anno in cui la chiesa venne restaurata in alcuni punti. A un primo esame la chiesa sembrerebbe un antico luogo di culto pagano che venne trasformato nel III secolo dai primi fedeli di Cerveteri, tra i quali si registrano i santi martiri Massimo e Seconda. Fino al 1029 Cerveteri divenne sede episcopale, della quale si conoscono i nomi di otto vescovi.

La chiesa antica conserva l'interno in stile romanico, mentre la facciata è stata a diverse riprese rimaneggiata e vi si appoggiò un arco di collegamento con palazzo Ruspoli per volere del cardinale Acciupidi nel 1760. In tal modo la chiesa diventò una vera e propria cappella palatina.

Presentava un complesso in stile barocco con 5 altari, tre alla fine delle navate, uno a metà della navata sinistra, di Santa Maria del Rosario ed uno a metà della navata destra dedicato alla Madonna della Pietà. Degli altari oggi sono rimaste solo le tele (escluso l'altare del Santissimo Sacramento, proveniente dalla demolita chiesa di San Martino.

All'interno di questa chiesa si conservano delle opere d'arte di interesse storico. L'affresco su tela di Santa Maria del Rosario, attribuito alla scuola di Antoniazzo Romano. L'affresco staccato della Madonna della Pietà, attribuito alla cerchia di Perin del Vaga, che si trovava nella vecchia chiesa di san Martino. La tela raffigurante san Carlo Borromeo. Un dipinto d'ignoto raffigurante il Salvatore. A queste opere d'arte dovrebbe aggiungersi la tavola, di Lorenzo da Viterbo, della Madonna col Bambino tra i santi Michele e Pietro, che si trovava fino al 1952 al di sopra dell'altare maggiore e che in seguito ad un riconoscimento da parte del famoso critico d'arte Federico Zeri a seguito di un restauro è ora esposto nella Galleria nazionale di arte antica a Palazzo Barberini, anche se sono in corso trattative per la riacquisizione del dipinto. È curioso notare la presenza di un affresco dello stesso autore, forse una prova per quest'opera, presente nella chiesa di Sant'Antonio Abate, che si differenzia di alcuni dettagli.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Aperto tutti i giorni
7.00-19.00

Biglietti

Gratuito

Servizi

Condividi

Piazza Santa Maria, 14

00052 Cerveteri - Roma

Tel: +39 06 56567321

33
Aggiornamento Pagina: 08/02/2024